Come rinviare dal fondo...

Parliamo del ruolo del portiere, dell'abbigliamento, delle tecniche di allenamento e delle nostre esperienze sul campo.
  • Se trovi questo argomento utile o vuoi farlo conoscere, condividilo con le persone a cui potrebbe interessare.
    Condividi su Facebook

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda paoletto31 » 18/01/2012, 0:32

gianluca ha scritto:
Azzurro ha scritto:
paoletto31 ha scritto:adesso devo sentirmi pure le ramanzine dei bambini di 11 anni... Come mi sono ridotto!!!! :rotfl:

Te non hai visto Gianluca gatteggiare come se fosse sulle molle... :look:


gaspare ti devo conoscere :love: :love: :love:



http://www.swoopshare.com/file/caa7d221 ... 2.mov.html

un piccolo voletto con spinta in alto


Adesso ho visto come gatteggia.. Sui materassini!! Uhauha
Avatar utente
paoletto31
Saracinesca
 
Messaggi: 258
Iscritto il: 24/07/2010, 0:22
Località: Teramo

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda gianluca » 18/01/2012, 14:33

paoletto31 ha scritto:Adesso ho visto come gatteggia.. Sui materassini!! Uhauha


su quel sintetico e il minimo e poi ho spiegato tutto sopra u.u
Avatar utente
gianluca
Saracinesca
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 10/09/2010, 21:10

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda paoletto31 » 18/01/2012, 17:04

La prossima volta perchè non usare un'armatura allora?!
Se ti capita di giocare una partita vera su quel sintetico o uno simile che fai?
Gli chiedi i materassini?!
Impara a cadere bene che te ne freghi poi dei materassini e della durezza dei campi.
Avatar utente
paoletto31
Saracinesca
 
Messaggi: 258
Iscritto il: 24/07/2010, 0:22
Località: Teramo

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 18/01/2012, 18:07

Quoto in pieno.

Io poi personalmente distinguo tra "imparare a non farsi male" (cadere bene),prerogativa dei portieri con una buona tecnica,e "imparare a farsi male" (non saper cadere granchè bene,ma non fare le fighette nonostante tutto),prerogativa dei portieri "non puliti",categoria nella quale mi riconosco...diventare parte della prima categoria non è facile,servono preparatori competenti e una certa predisposizione nella coordinazione e nell'apprendimento della tecnica,ma mal che vada si dovrebbe quantomeno rientrare nella seconda categoria...anche perchè giocare su un campo di cemento,se in agosto pieno,non lo si può certo fare conciati come Robocop...e,a costo di fare un po' il galletto,dico con orgoglio che mettevo una magliettina a maniche corte,una tuta leggera per pantaloni,e mi buttavo pure lì (e,per amor di precisione,specifico:non cadendo bene...ma la paura delle ferite superficiali,da ragazzini,non la si dovrebbe proprio avere).
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda janot16 » 18/01/2012, 18:20

in linea di massima d'accordo con paoletto e Operaio.
spezzo però una lancia a favore di gianluca e del suo mister: ha 11 anni, si sta riprendendo da un infortunio, ci può stare che vogliano essere cauti ed evitare, almeno in allenamento, che possa avere ricadute.
Avatar utente
janot16
Secondo portiere
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 10/01/2012, 22:47

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 18/01/2012, 18:34

Aggiungo per precisazione,che un portiere,quanto più è ben posizionato e concreto nel suo stile,quanto meno gli servono tuffi e,di conseguenza,cadute.

Ovvio,per prendere un tiro ben indirizzato e angolato serve il tuffo,e quindi la caduta,altrimenti non ci si arriva...su un tuffo per andare a prendere un tiro rasoterra capita di strisciare,e quindi su un campo duro anche di graffiarsi e ferirsi,ma...un portiere posizionato male ha bisogno del tuffo quando un portiere posizionato bene non ne ha bisogno,un portiere che legge male l'azione ha bisogno di uscire a valanga,magari dovendo strisciare,dove un portiere che ha letto l'azione meglio è già meglio piazzato per anticipare l'avversario raccogliendo il pallone in tutta tranquillità e quindi non avendo bisogno di fare l'intervento al limite...quello che voglio dire,è che è pur vero che l'infortunio può avvenire ad ogni singolo contatto col terreno,ma un buon portiere è quello che ha bisogno di toccare terra "violentemente" 5 volte anzichè 20 nel corso della singola partita,minimizzando così i rischi di infortunio...questo,a scanso di equivoci,non significa che su un tiro angolato,anzichè buttarsi e prenderla,debba stare in piedi a guardarla e subire gol,però...secondo me c'è il giusto mezzo,che serve sia per essere più efficaci,sia anche a minimizzare gli infortuni.Salviamo capra e cavoli,come si suol dire...si può fare!
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda Azzurro » 18/01/2012, 20:14

Magari dalle vostre parti non si usano, ma vi garantisco che i materassini si usano dalla serie A fino alle più infime categorie se il preparatore è serio e ha la società che gli mette a disposizione il materiale. :)
Avatar utente
Azzurro
Amministratore
 
Messaggi: 4498
Iscritto il: 06/03/2008, 16:29
Località: Taranto

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 18/01/2012, 22:18

Azzurro ha scritto:Magari dalle vostre parti non si usano, ma vi garantisco che i materassini si usano dalla serie A fino alle più infime categorie se il preparatore è serio e ha la società che gli mette a disposizione il materiale. :)


Non stiamo dibattendo se si usino o meno,stiamo dibattendo se il loro utilizzo sia utile o meno.

Io,ad esempio,preferisco i guanti vecchi di un mesetto,che prendono ancora bene,ma non sono così "adesivi" come dei guanti nuovi di zecca,perchè una respinta "volontaria" con i guanti troppo "adesivi" a volte potrebbe risultare corta (almeno,per quello che è il mio stile,a volte risulta così,probabilmente per un mio difetto).

Fermo restando che è meglio correggere il difetto,"nel contempo" non mi interessa sapere che tutti i portieri che se lo possono permettere cambiano i guanti ogni mese (?) e li indossano nuovi,la mia esigenza non ha nulla a che vedere con abitudini consolidate.

Tanto per divagare,ma neanche troppo...non sono religioso per mia convinzione logica,e se mi fanno vedere quante persone pregano o entrano in chiesa ogni domenica mattina,non cambio certo idea a riguardo...potrò anche essere una pecora nera nel gregge,ma le mie argomentazioni le ho e le ho esposte,mi interessano argomentazioni che eventualmente confutino le mie,non una descrizione "statistica" della diffusione o meno delle idee che io confuto.
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda paoletto31 » 19/01/2012, 0:34

Gianluca è anche un piccolo portiere e vista l'età' è giusto che si tuteli in qualche maniera dagli infortuni visto che ha anche tutto lo sviluppo ancora da fare. Però certe cose è meglio impararle da piccolo e cioè che se cadi male non c'è materassino che tenga, ti fai male e stop. Nel video non vorrei avere visto male, mi sembra che il fatto di avere un materassino sotto lo porti a camerun maniera sbagliata ovvero poggiando il fianco e poi le braccia. Una volta che impari un gesto sbagliato poi ci vuole il doppio della fatica a correggerlo non ce ne dimentichiamo. È una cosa non di poco conto, tenendo presente che una delle cause principali di infortuni in giovani portieri e persone che lo fanno solo a livello amatoriale è proprio questa, il non sapere cadere o tuffarsi bene.
Avatar utente
paoletto31
Saracinesca
 
Messaggi: 258
Iscritto il: 24/07/2010, 0:22
Località: Teramo

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 19/01/2012, 2:32

Non ho la competenza necessaria per valutare nel caso specifico,ma concordo sulla "regola generale"...con materassino protettivo è più difficile capire se si cade in maniera "pericolosa" o meno,perchè non si ha modo di valutare le conseguenze...è brutto dirlo,ed è brutto dire che l'alternativa è prendere le martellate sui denti per poi,solo successivamente,accorgersi che fanno male,però...in effetti,nè io,nè Paolo (anche se ha il dubbio che sia così),nè probabilmente tu Gianluca siamo sicuri se un tuffo fatto così e senza materassino (che in condizioni normali non c'è) risulta sicuro e realizzabile,a prescindere dall'efficacia.

paoletto31 ha scritto:mi sembra che il fatto di avere un materassino sotto lo porti a camerun maniera sbagliata ovvero poggiando il fianco e poi le braccia


In effetti questi portieri camerunensi lasciano parecchio a desiderare dal punto di vista tecnico :sisi:
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda Lioi22 » 19/01/2012, 12:13

Stavolta mi trovo in disaccordo con l'Operaio e con Paoletto.

Premesso che (purtroppo) non ho mai avuto la possibilità di allenarmi sui materassini (si andava sulla sabbia però), penso che per i ragazzi che stanno imparando il ruolo sia di fondamentale importanza non incorrere in infortuni e borsiti.

A mio modestissimo avviso non penserei mai di far capire ad un ragazzino la giusta tecnica di tuffo creandoli dei traumi fisici e psicologici per poi dirgli: "Ti sei fatto male??? devi ancora imparare allora!". :no:
Farei il discorso completamente inverso invece: farei allenare prima su superfici morbide ove una tecnica maldestra (con conseguente caduta scomposta) può essere attutita da una superficie più morbida. Starà poi al preparatore incentivare i suoi ragazzi ed eseguire una buona tecnica e non a sedersi sugli allori delle superfici morbide (in questo caso direi "a non dormire sui materassini" :asd: :| ).

Per quanto riguarda il discorso della posizione hai ragione Operaio, capisco il tuo concetto "idealizzato" di portiere (un portiere che sa sempre dove stare non si tufferà mai) ma essendo una idealizzazione è una cosa ben lontana dalla realtà.

In definitiva io sposo l'allenamento con i materassini (e se gli avessi utilizzati quando avevo l'età di Gianluca probabilmente non avrei un buco sul fianco sx ora), unito magari a dei tuffi/esercizi alla fine della sessione di allenamento.
Lioi22
Saracinesca
 
Messaggi: 1071
Iscritto il: 23/01/2011, 10:32

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 19/01/2012, 12:32

Lioi22 ha scritto:A mio modestissimo avviso non penserei mai di far capire ad un ragazzino la giusta tecnica di tuffo creandoli dei traumi fisici e psicologici per poi dirgli: "Ti sei fatto male??? devi ancora imparare allora!". :no:
Farei il discorso completamente inverso invece: farei allenare prima su superfici morbide ove una tecnica maldestra (con conseguente caduta scomposta) può essere attutita da una superficie più morbida. Starà poi al preparatore incentivare i suoi ragazzi ed eseguire una buona tecnica e non a sedersi sugli allori delle superfici morbide (in questo caso direi "a non dormire sui materassini" :asd: :| ).

Per quanto riguarda il discorso della posizione hai ragione Operaio, capisco il tuo concetto "idealizzato" di portiere (un portiere che sa sempre dove stare non si tufferà mai) ma essendo una idealizzazione è una cosa ben lontana dalla realtà.


No,non:"Ti sei fatto male?Devi ancora imparare" :asd: Piuttosto dico:"Cerchiamo di capire perchè ti sei fatto male (e spesso si tratta di leggere botte,comunque,non siamo in guerra),e proviamo subito una soluzione diversa"...ma a mio avviso per capire che serve una soluzione diversa serve vedere che quella precedente non funziona (sì per efficacia,della serie "il portiere prende gol?",ma anche per prudenza,della serie "al di là dell'averla parata,ho effettuato la cosa in sicurezza?").

Riguardo l'idealizzazione del portiere,hai ragione tu,è un'idealizzazione il portiere che non si tuffa mai (oppure è solo uno un po' arrendevole e scazzato :asd: ),ma appunto mi sembrava di averlo chiarito:il portiere ben posizionato si tuffa 1 volta invece che 3,e a lungo termine 1000 volte invece che 3000...e le possibilità di farsi male si riducono drasticamente.Minimizzare i rischi attraverso un'attenta didattica...se minimizzare i rischi non si ritiene sufficiente,o si ritiene persino inutile,perchè mai allacciarsi le cinture di sicurezza mettendosi alla guida?
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda gianluca » 19/01/2012, 12:50

paoletto31 ha scritto:La prossima volta perchè non usare un'armatura allora?!
Se ti capita di giocare una partita vera su quel sintetico o uno simile che fai?
Gli chiedi i materassini?!
Impara a cadere bene che te ne freghi poi dei materassini e della durezza dei campi.


riesci a capire che ero ritornato dalla frattura alla costola?
Avatar utente
gianluca
Saracinesca
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 10/09/2010, 21:10

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda Lioi22 » 19/01/2012, 14:51

gianluca ha scritto:
paoletto31 ha scritto:La prossima volta perchè non usare un'armatura allora?!
Se ti capita di giocare una partita vera su quel sintetico o uno simile che fai?
Gli chiedi i materassini?!
Impara a cadere bene che te ne freghi poi dei materassini e della durezza dei campi.


riesci a capire che ero ritornato dalla frattura alla costola?



Si vabbè Gianluca, Paoletto non penso ce l'avesse con te perchè usi il materassino. Penso che in generale ce l'avesse con il metodo il allenamento con il materassino (dalla tipologia di esercizio sembra che tutti si tuffino lì, poi non sò).

Per rispondere all'Operaio: perchè devo dire "cerchiamo di capire perchè ti sei fatto male" quando invece potrei dire "se ti tuffi così sul campo ti fai male davvero" ?????
Lioi22
Saracinesca
 
Messaggi: 1071
Iscritto il: 23/01/2011, 10:32

Re: Come rinviare dal fondo...

Messaggioda OperaioPolacco » 19/01/2012, 15:22

Lioi22 ha scritto:
gianluca ha scritto:
paoletto31 ha scritto:La prossima volta perchè non usare un'armatura allora?!
Se ti capita di giocare una partita vera su quel sintetico o uno simile che fai?
Gli chiedi i materassini?!
Impara a cadere bene che te ne freghi poi dei materassini e della durezza dei campi.


riesci a capire che ero ritornato dalla frattura alla costola?



Si vabbè Gianluca, Paoletto non penso ce l'avesse con te perchè usi il materassino. Penso che in generale ce l'avesse con il metodo il allenamento con il materassino (dalla tipologia di esercizio sembra che tutti si tuffino lì, poi non sò).

Per rispondere all'Operaio: perchè devo dire "cerchiamo di capire perchè ti sei fatto male" quando invece potrei dire "se ti tuffi così sul campo ti fai male davvero" ?????


Ovviamente scherzavamo tra di noi con le frasi "il materassino,ma ti rendi conto" e affini... ;) dò della fighetta ad un mio amico portiere che si concia come Robocop anche per buttarsi sulla gommapiuma,mentre lui mi dà del pazzoide per andare a maniche corte anche "nei peggiori bar di Caracas" (anche se la differenza di stile è notevole,lui sa "volare" molto più di me,da buon portiere di calcio a 11,mentre io cerco di essere più che altro rapido,da buon portiere a 5)

Per rispondere alla tua domanda,direi perchè io non so se Gianluca nel video è caduto male (anche se è vero che mi sembra "sbatta" il fianco un po' troppo di colpo),Paolo pensa che sia caduto male ma non ne è del tutto certo,e al preparatore di Gianluca non sembra che lui sia caduto male,tanto che ha commentato con un "bene" il tuffo.Gianluca sembra concordare con il suo preparatore,avendo postato il video,dato che presentarsi con un errore tecnico non sarebbe il biglietto da visita ideale.Non essendo,o non avendo a disposizione,il preparatore della Nazionale,e svolgendo prevalentemente attività nel mondo dilettantistico o amatoriale,ben pochi di noi sanno valutare con competenza un gesto tecnico con cognizione di causa,andando (come dimostra la divergenza di opinioni nel caso in oggetto) per "prove ed errori" (così va meglio o peggio?Così ti trovi meglio?Con cosa hai sbattuto a terra?Prova a tenere la caviglia/spalla/anca più dritta/storta/flessa e dimmi se va meglio)...e purtroppo le conseguenze servono,in queste categorie (senza offesa,e sperando di non sottovalutare la vs. competenza ;) ),a smascherare gli errori.

Il crash test delle macchine,fatto a 5 km/h,non serve a un cazzo.Fortunatamente per chi li fa,hanno a disposizione i dummies e usano loro.Ma devono simulare le condizioni di pericolo per verificarlo.

Passo per serial killer,mi sa :asd:

Capisco sia utile tutelare i ragazzi dagli infortuni gravi,ma è anche difficile abituarli alle bottarelle (che capitano) se non gliele si fa buscare di tanto in tanto.E,come ho detto prima,oltre ad abituarli serve anche a capire in condizioni "normali" cosa funziona e cosa no.
OperaioPolacco
Saracinesca
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 26/03/2008, 11:57

PrecedenteProssimo

Torna a Forum per portieri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti